Chiusura uffici festività natalizie

Si avvisa che rimarranno chiusi per le festività natalizie:
– la Segreteria dell’Ordine giovedì 24 dicembre 2015, giovedì 31 dicembre 2015 e i giorni 4 e 5 gennaio 2016 (l’Ufficio Copie sarà disponibile solo self-service). Si riaprirà il giorno giovedì 7 gennaio 2016.
– l’ Organismo di Mediazione Forense giovedì 24 dicembre 2015, giovedì 31 dicembre 2015 e i giorni 4 e 5 gennaio 2016. Si riaprirà il giorno giovedì 7 gennaio 2016.
– lo Sportello del patrocinio a spese dello Stato chiude dal 23 dicembre 2015 al 7 gennaio 2016. Riprenderà l’attività venerdì 8 gennaio 2016 dalle ore 11 alle 12.
– lo Sportello Informatico dal 23 dicembre 2015 al 10 gennaio 2016.

Giornata importante per l’avvocatura

mezzi-busti-buoniLuciano: “Con queste scelte legislative si consente una diversa e sostanziale tutela dei soggetti più deboli come mai era avvenuto prima di ora”

“Gli emendamenti a firma dei parlamentari Rossomando e Berretta del Pd alla legge di stabilità, attualmente all’esame del Parlamento, rappresentano una novità nel settore della giustizia e in particolare del mondo forense.

continua...

CASSA FORENSE – prossime scadenze

Rammento agli Iscritti di Cassa Forense le prossime scadenze degli adempimenti dell’ ANNO 2015:

– 31 dicembre 2015 giovedì: termine per il pagamento della 2ª rata a saldo dei contributi obbligatori soggettivi e integrativi dovuti in autoliquidazione per l’anno 2014 – mod. 5/2015; (omissioni o ritardi saranno sanzionati come da regolamento).

– 31 dicembre 2015 giovedì: termine per il pagamento della contribuzione modulare VOLONTARIA

Ricordo inoltre che le sanzioni sui contributi minimi sono sospese solo fino al 31/12/2015. Dopo tale data esse saranno applicabili sugli omessi o ritardati versamenti nella misura obbligatoria stabilita dal regolamento.

Cordiali saluti.
Benedetta Zambon

Camera Arbitrale Forense

Cari Colleghi,

il COA ha sottoscritto con il Tribunale di Pordenone “Linee guida sul trasferimento alla sede arbitrale di procedimenti pendenti avanti all’Autorità Giudiziaria”. Tale istituto (c.d. translatio iudicii) introdotto dal D.L. 132/2014 prevede la possibilità di trasferire, su accordo delle parti, le cause pendenti che non sono ancora state decise alla sede arbitrale ad eccezione di quelle che vertono su materia di lavoro e di diritti indisponibili. Poiché il Consiglio dell’Ordine ha istituito la Camera Arbitrale Forense i procedimenti possono essere devoluti a tale organismo. Si allega il testo delle “Linee guida trasferimento a sede arbitrale di procedimenti pendenti dinanzi Autorità Giudiziaria“.

Il Presidente
Avv. Rosanna Rovere