CASSA FORENSE – ‘Cumulo gratuito’ L. 228/2012 e L. 232/2016 – prime indicazioni

Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Forense ha ritenuto di dover fornire le prime indicazioni operative circa l’applicazione del nuovo istituto del  “cumulo gratuito” di cui alla legge 24/12/2012, n. 228, così come modificato dal comma 195 dell’art. 1 della legge 11/12/2016, n. 232 che ne ha esteso l’operatività, a decorrere dal 1°/01/2017, anche agli iscritti alle Casse professionali.

In tal senso, è stata condivisa ed approvata l’allegata circolare, a firma del Direttore Generale, in attesa di poter fornire istruzioni più dettagliate una volta emanati i necessari ed auspicati chiarimenti legislativi e/o Ministeriali in ordine al coordinamento della nuova normativa con la specifica disciplina delle singole Casse.

Roma, 13 febbraio 2017

Il Presidente
Avv. Nunzio Luciano

CASSA FORENSE – Definizione agevolata somme ruoli 2000/2016 Equitalia

Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Forense, nella seduta dell’8 febbraio 2017, ha esaminato le problematiche relative al D.L. 193/2016, convertito con Legge 225 del 1° dicembre 2016.

Fermo restando che Cassa Forense è critica nei confronti del contenuto del provvedimento e della metodologia utilizzata per la sua emanazione, che lede l’autonomia gestionale e organizzativa degli Enti Previdenziali privati e presenta profili di iniquità tra gli iscritti, il Consiglio di Amministrazione, verificata la mancata esclusione dell’Ente dal novero dei soggetti destinatari della previsione dell’art. 6 del suddetto decreto (definizione agevolata), ha preso atto dell’applicabilità di tale normativa anche alle somme iscritte dalla Cassa Forense nei ruoli relativi al periodo 2000/2016. Tali somme, pertanto, potranno essere versate, dai soggetti interessati, con le modalità e nei termini previsti dal citato art. 6, previa domanda di adesione alla procedura di definizione agevolata, da formulare entro il 31/03/2017, direttamente ad Equitalia.

Roma, 13 febbraio 2017

Il Presidente
Avv. Nunzio Luciano

Ex art. 492 bis cpc – ricerca telematica dei beni da pignorare

Gentili Colleghe ed egregi Colleghi,
in riferimento all’oggetto si segnala l’orientamento di questo Tribunale in ordine alle modalità di presentazione dell’istanza.
Nonostante l’art. 492-bis cpc preveda unicamente che l’istanza non può essere proposta prima del decorso del termine di cui all’art. 482 cpc, questo Tribunale ha fatto propria l’interpretazione secondo cui la domanda deve essere inoltrata durante il periodo di efficacia del precetto e non successivamente, pena il rigetto della stessa e la perdita del contributo unificato di € 43,00.
Si ricorda pertanto a tutti gli iscritti che l’istanza va depositata dopo il decorso del termine ex art. 482 cpc e comunque entro il periodo di validità del precetto, con le modalità illustrate anche nell’apposita guida della Commissione informatica e sulla base dei chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate allegati alla presente per Vostra comodità.
Cordiali saluti.

Il Consigliere Delegato
Avv. Stefano Corsini

Guida ricerca telematica 492bis
Ricerca ex art 492 bis cpc

Il Dubbio si estende: arriva in tutt’Italia

Dalla settimana prossima, esattamente dal 15 febbraio, “Il Dubbio” estende i suoi territori e arriva in tutt’Italia. Già è in tut’Italia, ovviamente, nella sua versione web e nella sua edizione on line sfogliabile. La novità è che arriverà anche la versione “cartacea”, quella che finora si trovava solo nelle edicole di una decina di città. Ora siamo in grado di accettare la sottoscrizione di abbonamenti da qualunque luogo.
Si allega la notizia.

Articolo